Facebook Twitter
travelfillers.com

La Barcellona Di Gaudì

Pubblicato il Giugno 21, 2023 da Keith Simmons

L'architetto catalano nativo ha sicuramente lasciato il segno su questa grande città e una sosta a Barcellona non sarebbe completa senza consumare alcune delle sue più grandi opere. Apparentemente un architetto senza contemporanei, le creazioni moderne a flusso libero di Gaudi erano decenni prima del suo tempo. Il globo ha preso la parola di Gaudi che si riflette nel fatto reale che le proprietà discusse di seguito sono tutti siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

La pedrera

Il vero nome a causa di questo edificio è in realtà, Casa Mila - La Pedrera è un soprannome e significa "la cava" in catalano. Quando Gaudi costruì questa proprietà tra il 1905 e il 1907, la maggior parte dei catalani a quel tempo faceva la durata dell'architetto per aver deturpato lo skyline della città, da cui il moniker dispregiativo. Oggi nessuna delle connotazioni negative rimane e, in effetti, i residenti della città notano come uno dei punti di riferimento più orgogliosi. Seduto sul Passeig de Gracia l'edificio non conterrà una linea retta unitaria, invece eseguendo una forma organica, organica e naturale. I punti salienti sono i balconi in ferro battuto selvaggi e meravigliosi e il tetto che utilizzano le sue pile di camino meravigliosamente originali.

CASA BATLLO

Gaudi è stato incaricato di rinnovare questo edificio dal proprietario del cane, Josep Batllo. Prendendo questo breve Gaudi ha intrapreso uno dei suoi disegni più audaci e facilmente riconoscibili mentre trasformava completamente il vecchio edificio. Il suo design radicale ha mostrato uguale disprezzo per la linea retta e ha aggiunto balconi a forma di osso e ha usato la tecnica "trencadis" di usare frammenti di piastrelle rotte per creare un mosaico luccicante di colore sulla facciata, simile al vicino dall'oceano (una ricorrente tema nel lavoro di Gaudi). Tutto ciò messo insieme per dare la creazione di una qualità fluida. Il tetto ad arco è stato paragonato al tronco di qualsiasi drago più alcune teorizzato che la torretta e la croce, che si estendono dal tetto dell'edificio, si pensa che rappresentino la spada di San Giorgio, si immette nella parte posteriore del drago. Casa Batllo si trova vicino a La Pedrera sul Passeig de Gracia.

Park Guell

Il surreale giardino surreale di Gaudi è posizionato anche nel distretto di Gracia del luogo. Originariamente destinato all'interno di un sito di recinzione commerciale, il progetto non è mai arrivato a pieno compimento a causa della recessione finanziaria in città. Non sorprende che Park Guell continui a essere una delle creazioni più magiche di Gaudi e mostri la sua versatilità. Abbondano le forme ondulate, organiche e naturali, decorate con la colorata tecnica "Trencadis" - ciò che stupisce qui che i suoi disegni sembrano essere da modellare nella topografia naturale del paesaggio. L'area più nota del parco è la terrazza principale distintiva che utilizza le sue lunghe panchine a mosaico e la caratteristica del serpente marino, demolite colorate con frammenti di piastrelle luccicanti. La casa di Gaudi, che viene spesso visitata all'interno del parco altrimenti gratuito per un piccolo costo, mostra mobili creati dall'uomo fantastico e probabilmente varrà la pena dare un'occhiata se sei un fan dell'architetto enigmatico.

Sagrada familia

"Magnum Opus" senza dubbio di Gaudi, la Sagrada Familia doveva essere il capolavoro incompiuto dell'architetto. Gaudi si prese in carico del progetto nel 1885 e continuò a concentrarsi su di esso, persino vivendo in loco negli ultimi anni, fino alla sua morte più di quarant'anni dopo. Un enorme progetto da tentare, Gaudi intendeva essere sempre un monumento all'architettura del 20 ° secolo con sedici torri che rappresentano i dodici apostoli, i quattro evangelisti, la Vergine Maria e Cristo; Quest'ultimo doveva torre a 170 metri sopra la città. La tragedia colpì nel 1926 quando Gaudi fu buttata in giù con un tram e ucciso, fermando la sua attenzione sul progetto. Un'ulteriore battuta d'arresto colpì nel 1936 ogni volta che un incendio causato dai bombardamenti della guerra civile rivendicava i suoi appunti, disegni e modelli. Oggi, oltre 120 anni dopo è stato posto il primo mattone, l'edificio continua. La direzione che deve adottare è stata in balia di molti dibattiti e controversie, ma il Barcellona e il pianeta, spera che presto avremo la possibilità di iniziare a vedere il capolavoro fatto. Potrebbe non esserci un tributo migliore a 1 dei figli preferiti della Catalogna.